Utilizziamo Cookies sulla nostra pagina web, per rendere la vostra visita più efficiente e per potervi offrire maggiore semplicità di utilizzo. Cliccate per favore su “accetta"! Potete trovare maggiori informazioni nella nostra Informativa.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La pandemia di Coronavirus ha comprensibilmente catalizzato l’attenzione collettiva e i drammatici bollettini di guerra su contagiati e deceduti sono seguiti incessantemente evocando le domeniche di mezzo secolo fa con le radioline incollate all’orecchio per ascoltare “Tutto il calcio minuto per minuto”.

Il costante aggiornamento è garantito dal martellante ritmo di servizi televisivi e dal ribollire dei siti web che proiettano immagini, grafici e statistiche. Il clima di ragionevole allarme ha persino fatto riscoprire l’utilità dell’igiene personale e trasformato il semplice lavarsi le mani in cautela straordinaria. L’invito a non uscire di casa e a limitare – complice il metro di distanza – affettuosità di ogni sorta o anche semplici relazioni interpersonali.

Le tecnologie – Internet in primis – hanno così guadagnato il ruolo di contesto succedaneo della nostra vita quotidiana. Il telelavoro, la didattica a distanza, gli incontri virtuali grazie a webcam e opportunità di comunicazione evoluta, in qualche caso persino la telemedicina: improvvisamente si è scoperto che “certe cose” si possono fare anche senza raggiungere l’ufficio e la scuola, quasi prima d’ora fosse impensabile (o addirittura sacrilego) sfruttare le possibilità messe a disposizione dal progresso.

E quel che è terribile è il vedere la malcelata ritrosia di parecchie realtà ad accettare un nuovo train de vie, a prendere atto che – come diceva il “dottor Frankenstine” nell’immortale pellicola di Mel Brooks – “si può fare”. Si innesca qui una riflessione. C’era bisogno della peste bubbonica per capire che certe attività potrebbero essere svolte “comodamente seduti a casa nostra” come recitava un vecchio slogan pubblicitario? Nello stupore generale si è affacciato il “lavoro agile”, ha fatto capolino lo “smart working”. Un sistema che dovrebbe e potrebbe rappresentare la normalità è stato spacciato addirittura come soluzione rivoluzionaria.

Se la sensibilità umana non rientra tra i canoni della buona gestione, stupisce invece l’oggettiva impreparazione di imprese, enti pubblici e istituzioni dinanzi al cambiamento ormai disciplinato per legge. Quando si legge che “si stanno organizzando” o si constata che “i sistemi informatici non sono predisposti” o “l’architettura di rete non poteva prevedere un così elevato numero di utenti esterni”, si è costretti a prendere atto che anche le “persone giuridiche” soffrono di gravi patologie invalidanti. Il morbo dell’ignoranza si è silentemente insinuato alla faccia della pervasività del progresso tecnologico e soprattutto procedurale. Il vaccino della cultura, ahinoi, sembra non funzionare.

Tecnologie Informatiche Srls

Via Cesare Battisti 3

89029 Taurianova (RC)

PI/CF 03087300809  REA RC - 208942

Tel/Fax (+39) 0966 447205

Iscriviti alle Newsletter

Seguici su

­